Cerca
Close this search box.

Che cos’è il Biofeedback (BFB)

geremia biofeedback

Il biofeedback è una tecnica di riabilitazione attiva che consente di acquisire il controllo volontario di certi eventi naturali (come contrarre gli sfinteri o rilasciarli).

Come funziona il biofeedback?

Ciò avviene grazie all’utilizzo di una piccola sonda a palloncino o di tipo elettromiografico collegate ad uno strumento dotato di monitor, dove viene istantaneamente riprodotto il lavoro muscolare sotto forma di segnali visivi e uditivi.

In questo modo l’informazione “di ritorno”, osservata sul monitor, consente al paziente di “vedere” come sta svolgendo l’esercizio affidatogli dal terapeuta e se errato eventualmente correggerlo.

Il BFB si può anche effettuare con tecniche manuali, con l’ausilio dell’ecografia, ecc.

Il Dott. Carmelo Geremia, direttore del Centro Pelvi Perineale, è ideatore del “Tactile-Biofeedback”. Questa nuova modalità riabilitativa, nella sua semplicità di esecuzione, consente al paziente un facile e pieno recupero dell’attività muscolare.

Quali sono i vantaggi del biofeedback?

Migliora il tono ed il trofismo ed un corretto coordinamento dell’attività muscolare, consente un miglioramento della sensibilità e della elasticità degli organi cavi pelvici (retto e vagina).

Si utilizza nei casi di incontinenza fecale ed urinaria, nella stitichezza cronica (anismo: il paziente deve spingere molto per defecare), programmando un intervento chirurgico sullo sfintere, nel dolore ano-perineale e nel post-partum.

Dott. Carmelo Geremia

Proctologo - Pelviperineologo - Gastroenterologo
Specialista nelle malattie del pavimento pelvico

Dove Visito

Reggio Calabria 
Messina 
Milano